venerdì 7 agosto 2015

Imposte, il governo Renzi-Padoan ciurla nel manico


A causa delle avarie frequenti della piattaforma IlCannocchiale, dove - in 4 anni e 5 mesi - il mio blog Vincesko ha totalizzato 700.000 visualizzazioni, ho deciso di abbandonarla gradualmente. O, meglio, di tenermi pronto ad abbandonarla. Ripubblico qua i vecchi post a fini di archivio, alternandoli (orientativamente a gruppi di 5 al giorno) con quelli nuovi.

Post n. 526 del 04-02-15 (trasmigrato da IlCannocchiale.it)
Imposte, il governo Renzi-Padoan ciurla nel manico


Art. 53 Cost.: “Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività”.[1]
Il dramma è che è progressivo solo nella forma e neppure tanto,[2] mentre nella realtà o si evade/si elude[3] o, per volontà dei decisori politici di destra, a pagare sono i più poveri, come è avvenuto negli ultimi 15-20 anni ai salari col fiscal drag (drenaggio fiscale) o come è successo per il mastodontico risanamento dei conti pubblici.
Nella scorsa legislatura, l’ho scritto innumerevoli volte, per il risanamento dei conti, sono state varate manovre correttive per la mastodontica cifra di 330 mld cumulati[4] (ma gli effetti delle misure strutturali ci sono tuttora); 4/5, pari a 267 mld, dal governo Berlusconi ed 1/5, pari a 63 mld, dal governo Monti, iniquamente addossati dal governo Berlusconi in grandissima parte sui ceti medio-bassi e persino sui poveri (col taglio feroce del 90% della spesa sociale dei Comuni e delle Regioni), ad alta propensione al consumo, con le conseguenze recessive che vediamo.
Molto più equamente dal governo Monti proprio perché ha spostato parte del peso fiscale del risanamento sugli immobili, reintroducendo l’IMU (già decisa da SB) sulla prima casa (gravame medio annuo pari a 225€ e l’85% ha pagato meno di 400€!) e potenziandola sul resto ed introducendo una tassa sui depositi ed una leggerissima TTF.
Poi SB, coi suoi potentissimi megafoni, ha addossato tutta la colpa sul cattivissimo Monti. E milioni di Italiani allocchi, inclusi ovviamente (quasi) tutti i proprietari di case, gli hanno creduto volentieri.
Per non pagare le tasse, ci sono sempre mille ragioni, qualche volta giuste, spesso pretestuose. Le tasse non sono piacevoli, ma l'inclinazione di noi Italiani a pagarle è prossima allo zero e si cerca o di evaderle o di eluderle. Per cui chi non può sottrarsi deve pagare anche per gli evasori e gli elusori. Sono d'accordo che occorra porre mano alle mille scappatoie, per solito utilizzate dai ricchi che possono contare su bravi consulenti fiscali. E' possibile ed è solo una questione di volontà politica. Abbandoniamo la lamentela interessata e sosteniamo questa volontà, ché – come ha denunciato ieri l’ex ministro Vincenzo Visco a Ballarò - l’attuale governo Renzi-Padoan ciurla nel manico[5] e ne ha molto bisogno.
Dopodiché, per evitare che l'Italia vada a fondo, variamo un'imposta patrimoniale[6] straordinaria sulla metà del decile più ricco, che possiede una ricchezza netta di 2.000 mld su 8.600. Far pagare ai ricchi un'imposta patrimoniale sarebbe soltanto un parziale ristoro dell'iniquità perpetrata finora.
Conclusione (dettata dalla cronaca recente). Alexis Tsipras è persona intelligente, tosta e di sinistra, molto più di Renzi. Per attuare il programma di Salonicco[7] gli servono 10 mld. Se non riuscirà ad ottenerli tutti azzerando gli interessi passivi, io credo che troverà cosa buona e giusta, per la parte mancante, varare un'imposta patrimoniale sui ricchi . A bassa propensione al consumo. E' la decisione più logica e congrua  - e la cartina di tornasole - per una persona intelligente, tosta e di sinistra.
Perciò l’aspirante massone (ad una superloggia) Renzi, appoggiato dal massone Padoan, non lo ha fatto e non lo farà.

[1] IL PRINCIPIO DI CAPACITA’ CONTRIBUTIVA (art. 53 Cost.)
Le leggi che istituiscono e regolano i tributi, pertanto, devono rispettare il principio di capacita` contributiva, sancito dall’art. 53 Cost., secondo cui Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacita` contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività.
Quali sono i fatti che esprimono capacità contributiva?
Che cosa è la capacità contributiva?
L’indice generatore di capacità contributiva è, per eccellenza, il reddito.
Oltre al reddito, sono considerati indici diretti di cap. contributiva, anche il patrimonio e gli incrementi di valore del patrimonio.
Sono, invece, indici indiretti di capacita` contributiva, il consumo e gli affari (colpiti dalle imposte indirette, come le imposte di fabbricazione, l’imposta sul valore aggiunto, l’imposta di registro, ecc.).
http://www.economia.unime.it/UserFiles/File/Data/a_a_1112/materiale_didattico/serrano/art.53_cost.pdf
[2] ALIQUOTE IRPEF 2013 e 2014
- redditi fino a 15 000 euro, aliquota al 23%;
- tra 15 000 e 28 000 euro, aliquota al 27% (più rapidamente: 3.450 + 27% della parte eccedente 15.000);
- tra 28 000 e 55 000 euro, aliquota al 38% (più rapidamente: 6.960 + 38% della parte eccedente 28.000);
- tra 55 000 e 75 000 euro, aliquota al 41% (più rapidamente: 17.220 + 41% della parte eccedente 55.000);
- oltre i 75 000 euro, aliquota al 43% (più rapidamente: 25.420 + 43% della parte eccedente 75.000).
[3] AQQ22-Le cifre di ricchezza, imposte, contributi sociali ed evasione fiscale
[7] COME SI PUO’ GOVERNARE IN MODO DIVERSO DAI DETTAMI DELLA TROIKA
PUBBLICHIAMO IL “PROGRAMMA DI SALONICCO” CON CUI ALEXIS TSIPRAS SI RIPROMETTE DI GOVERNARE LA GRECIA
COSA FARA’ IL GOVERNO DI SYRIZA
http://www.altraeuroparoma.it/blog/come-si-puo-governare-in-modo-diverso-dai-dettami-della-troika/
Commento: Temo ci sia un errore nell'importo totale del "1° pilastro: Affrontare la crisi umanitaria" e quindi nei totali complessivi: sostituire il punto con una virgola, non 1.882, ma 1,882 mld, che è esattamente la somma degli importi singoli espressi in milioni; non 11.382 e 12.000 mld, ma 11,382 e 12 mld. Segnalo che questo errore figura su tutti i media che hanno pubblicato il "Programma di Salonicco".


Post collegato:

UE, dirigenti illuminati o massoni reazionari?


Nessun commento:

Posta un commento