lunedì 29 gennaio 2018

Lettera all’ISTAT di richiesta di informazione sulla fonte di dati pensionistici errati




Pubblico la lettera che ho inviato una settimana fa all’ISTAT, per avere informazioni su chi ha obliterato completamente la riforma delle pensioni Sacconi, omissione che ha influenzato, a catena, sia EUROSTAT che l’UPB, e forse altri. Ad oggi, non ho ricevuto nessuna risposta.

Richiesta info su fonte dati errati
Da:  v
22/1/2018 16:14

Buonasera,
Chi disinforma chi?
Vale la pena di evidenziare che lo studio elaborato dall’Ufficio parlamentare di bilancio (UPB) Il dibattito sulla flessibilità pensionistica usa dati di EUROSTAT, oblitera completamente la riforma SACCONI con la riforma Fornero, analizza gli andamenti divergenti degli occupati anziani e degli occupati giovani individuando tre “rotture” in corrispondenza delle riforme pensionistiche “Maroni” (Berlusconi-Maroni) del 2004, “Prodi” (Prodi-Damiano) del 2007 e “Fornero” (Monti-Fornero) del 2011, e l’autore Nicola Salerno non avverte neppure un campanello d’allarme quando cita la “terza rottura” legandola alla riforma Fornero e scrive di “2011-2012”, quando si sa bene che il governo Monti è arrivato nel novembre 2011 e la riforma Fornero, decisa in dicembre, viene applicata dall’1 gennaio 2012 (ma i suoi effetti, secondo il precedente presidente dell’INPS, Antonio Mastrapasqua, si dispiegano dal 2013[cfr. nota 1]), e quindi nel 2011 gli effetti non possono che essere quelli prodotti dalla severa riforma Sacconi (DL 78 del 31 maggio 2010, L. 122/2010, art.12), completamente obliterata (almeno formalmente, visto che egli dichiara a Carlo Clericetti, su mia sollecitazione, che ha considerato la riforma SACCONI) per effetto di una specie di ingiustificabile damnatio memoriae.[1 o 2]
Di chi è la colpa della totale obliterazione? Di EUROSTAT o dell’UPB? O di ISTAT, i cui dati, secondo il prof. Alberto Brambilla, vengono ripresi pari pari da EUROSTAT? (“Numeri corretti all’Europa per tutelare i veri pensionati”, preoccupazione che personalmente condivido).
In ogni caso, di chiunque sia la colpa, è preoccupante che importanti Organi pubblici, deputati a diffondere informazioni corrette, veicolino notizie false, fake news, bufale. Ancor più preoccupante se lo schema errato appena descritto è il medesimo contenuto nello studio Boeri-Garibaldi-Moen “WorkINPS Papers A clash of generations?Increase in Retirement Age and Labor Demand for Youth”.
Cordiali saluti
V.

PS: Allego:
Pensioni, la congiura del silenzio di sette noti esperti di previdenza contro Elsa Fornero


**********






1 commento:

  1. Ciao,
    Questo messaggio è rivolto a individui, poveri, aziende, aziende e tutti coloro che hanno bisogno di un prestito particolare per portare a termine i loro progetti o per far rivivere le vostre attività o altri. 2%, qualunque sia l'importo richiesto. Prestiti da 3.000 € a 900.000 € Il periodo di rimborso è da 1 anno a 25 anni. Si prega di essere soddisfatti in 72 ore.
    Mail: danielapetrucci07@gmail.com

    RispondiElimina