martedì 11 giugno 2019

Lettera al Dottor Salvatore Rossi e al Professor Jean Paul Fitoussi sulla BCE





Pubblico la lettera che ho inviato quattro giorni fa al Dott. Salvatore Rossi, ex DG della Banca d’Italia, e al Prof. Jean Paul Fitoussi, docente della LUISS, dopo aver ascoltato un loro dibattito sulle politiche monetarie post-crisi, trasmesso da Radio Radicale. Ad oggi non ho ricevuto nessuna risposta.


ALLA C.A. DEL DOTT. SALVATORE ROSSI E DEL PROF. JEAN PAUL FITOUSSI
CC: Università, Parlamentari, Media

Egr. Dott. Rossi, Egr. Prof. Fitoussi,
Mi permettano di fare alcune osservazioni.
La prima riguarda gli obiettivi della BCE. Lei, Dott. Rossi, ha dichiarato (al minuto 19:25): “Ricordo per inciso – una cosa che tutti sanno – che la Banca Centrale Europea, essendo tra l’altro la più recentemente costituita delle grandi banche centrali del mondo, ha uno statuto molto rigido e molto orientato alla stabilità dei prezzi, quindi la stabilità dei prezzi è l’unico obiettivo che la Banca Centrale Europea ha; invece la FED e la Banca Centrale del Giappone hanno obiettivi più larghi e diversificati che includono la crescita economica, la piena occupazione, ecc.”.
Obiettivi statutari della BCE
La stabilità dei prezzi non è – come quasi tutti credono - l’unico obiettivo della BCE, come si deduce facilissimamente fin dal titolo dell’art. 2 Statuto BCE, di cui ho fatto un esame accurato[1] proprio allo scopo di contrastare nel mio piccolo la disinformazione generale, che ha un ambito mondiale, sullo statuto e i poteri-doveri della BCE.

«Articolo 2-Obiettivi Conformemente agli articoli 127, paragrafo 1 e 282, paragrafo 2, del trattato sul funzionamento dell’Unione europea, l’obiettivo principale del SEBC è il mantenimento della stabilità dei prezzi. Fatto salvo l’obiettivo della stabilità dei prezzi, esso sostiene le politiche economiche generali dell’Unione al fine di contribuire alla realizzazione degli obiettivi dell’Unione definiti nell’articolo 3 del trattato sull’Unione europea. Il SEBC agisce in conformità del principio di un’economia di mercato aperta e in libera concorrenza, favorendo un’efficace allocazione delle risorse, e rispettando i principi di cui all’articolo 119 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea.»
Lo statuto della Bce,  come si deduce già dal titolo dell’articolo 2, stabilisce due obiettivi, non uno soltanto, come si crede, ma, a differenza della FED, essi sono in rapporto duale-gerarchico tra loro (tale clausola fu imposta dalla Germania come condizione per aderire all’Euro), però, secondo alcuni studiosi, tale rapporto non andrebbe applicato meccanicamente, ma distinguendo tra target inflazionistico nel breve o nel lungo periodo.
Il primo obiettivo è la stabilità dei prezzi, «sotto, ma vicino, al 2%». Il secondo obiettivo è stabilito nel medesimo articolo 2 dello statuto: «Fatto salvo l’obiettivo della stabilità dei prezzi», la Bce «sostiene le politiche economiche generali dell’Unione al fine di contribuire alla realizzazione degli obiettivi dell’Unione definiti nell’articolo 3 del Trattato sull’Unione europea». Tra questi, i principali sono una «crescita economica equilibrata», la «piena occupazione» e il «progresso sociale»:
«Art. 3. […] L’Unione instaura un mercato interno. Si adopera per lo sviluppo sostenibile dell’Europa, basato su una crescita economica equilibrata e sulla stabilità dei prezzi, su un’economia sociale di mercato fortemente competitiva, che mira alla piena occupazione e al progresso sociale, e su un elevato livello di tutela e di miglioramento della qualità dell’ambiente.»
Ne discende che, in deflazione o con tasso d’inflazione sensibilmente inferiore al target (poco sotto il 2%), la condizione sospensiva («fatto salvo» - «without prejudice», nella versione inglese -), costituita dal raggiungimento dell’obiettivo principale, è (più che) soddisfatta, quindi il rapporto duale-gerarchico tra i due obiettivi si modifica e diventa, come per la FED, paritario: pertanto, la BCE è obbligata dal suo statuto (art. 2) a sostenere il raggiungimento del secondo obiettivo - «crescita economica» e «piena occupazione». E, poiché la deflazione rende necessaria una politica monetaria espansiva, esso è del tutto concordante, convergente e complementare con l’obiettivo principale, che è quello di riportare l’inflazione, da sotto zero o quasi zero o molto inferiore, a poco sotto il 2%.
La stabilità dei prezzi è entrata a far parte degli obiettivi dell’UE soltanto col Trattato di Lisbona, ma certamente non è un obiettivo principale, bensì un mero sub-obiettivo, finalizzato alla missione dell’UE statuita dal fondamentale art. 3 del TUE: piena occupazione e progresso sociale. Quindi, a mio avviso, sono (state) la Commissione e la BCE, organi strumentali del popolo europeo, a non rispettare i Trattati.

Programma SMP
La seconda attiene al “Securities Markets Programme”. Mi permetta di osservare, Dott. Rossi, che Lei non ha menzionato le caratteristiche principali del SMP, che sono (i) l’acquisto limitato, che ne ha ridotto fortemente l’efficacia, di titoli pubblici di singoli Paesi, e senza condizionalità, almeno formalmente, al netto delle lettere segrete ai Governi, si vedano le lettere dell’agosto 2011 ai Governi italiano e spagnolo con prescrizioni dettagliate, quasi interamente adempiute dal Governo Berlusconi, che – quasi nessuno sa - nell’agosto 2011 dovette varare una terza, pesantissima manovra correttiva di 65 mld cumulati per il triennio successivo, dopo quella del maggio 2010 di 62 mld cumulati e quella del luglio 2011 di 80 mld cumulati (approfondimento in Lettera alla professoressa Veronica De Romanis); e (ii) la contestuale sterilizzazione, cioè la riduzione di un ammontare equivalente della massa monetaria, per paura della fantomatica inflazione.
Tale programma fu opportunamente rammentato, nel novembre 2014, dall’ex presidente della BCE Jean-Claude Trichet, sia ai fautori che ai critici del QE, che in grandissima maggioranza non ritenevano possibile l’acquisto di titoli di Stato dell’Eurozona e ancor meno di singoli Paesi.

QE
La terza concerne il Quantitative Easing. Il QE è stato sia tardivo (con ben sei anni di ritardo rispetto alla FED e alla BoE), sia insufficiente (v. l’intervista a Repubblica dell’ex governatore della Banca centrale di Cipro Athanasios Orphanides), con effetti economici e sociali drammatici sui Paesi dell’Eurozona meridionale, causati in primo luogo dalla politica fiscale restrittiva imposta dalla Commissione Europea a trazione tedesca con due pesi e due misure, come ha attestato la Corte dei Conti UE. Poi è stato corretto strada facendo.
Così come aveva fatto contro le OMT, la Germania ha fatto ricorso alla Corte di Giustizia Europea contro il QE, perdendolo. Il ricorso è stato presentato “da ricorrenti tedeschi che si sono rivolti alla Corte Costituzionale federale tedesca, che, prima di decidere, ha rinviato la questione alla Corte di Giustizia UE, chiedendole di pronunciarsi su due questioni: se il QE (i) esulasse dai compiti statutari della BCE e (ii) favorisse singoli Paesi, riferendosi evidentemente in particolare all’Italia, che sono intervenuti nella causa C‑493/17.” (v. Poscritto del libro citato).

Capitali ombra
Infine, nell’ascoltarLa, Dott. Rossi, ho constatato con piacere che, nel paragrafo sulla regolazione dei mercati finanziari, a proposito del Financial Stability Boardanche io ho evidenziato, come ha fatto Lei, il verbo fare al futuro.

Cordiali saluti,
V.

PS: Prego cortesemente il Prof. Fitoussi di voler far trasmettere questa lettera ai partecipanti al dibattito.



Articolo collegato:

Dal Sole 24 ore, traggo questo contrasto tra la Corte dei Conti UE e la BCE, poco pubblicizzato sui media. Se ne ricava che, dopo aver criticato la Commissione Europea per aver applicato, durante la crisi economica, le regole UE con due pesi e due misure [1 o 2], la Corte dei Conti UE contesta alla BCE la pretesa di ritenersi al di sopra delle regole UE.
Record di ispezioni Ue in Italia: 355 giorni di audit sulle spese
Controlli. La Corte dei Conti marca stretto il Governo sui conti: mai tante verifiche in soli 12 mesi. Fari accesi su Germania, Polonia e Francia. Causa alla Bce se non consegna i dati sulle crisi bancarie
[…] Uno degli aspetti più emblematici emersi dal rapporto Eca riguarda la Bce: tra la banca di Francoforte e la Corte è infatti in corso un durissimo scontro di potere sull’applicabilità delle regole di trasparenza e governance nella gestione delle crisi bancarie: la Bce, secondo la Corte, si rifiuta di consegnare ai revisori documenti-chiave sul suo operato, impedendogli di fatto la verifica amministrativa e la certificazione delle spese. «Se la Bce continuerà a ostacolare la verifica contabile sulla gestione delle crisi - è scritto nel rapporto dell’Eca - l’Agenzia si riserva il diritto di ricorrere alla Corte di Giustizia per poter svolgere il proprio lavoro: nessuno è al di sopra della legge e dei Trattati».


**********

http://vincesko.ilcannocchiale.it/post/2866297.html






lunedì 10 giugno 2019

Minibot per il pagamento dei debiti della Pubblica Amministrazione





Mi pare che, nelle intenzioni dei proponenti, i Minibot1 dovrebbero sopperire alla mancanza di liquidità, alternativa a quella acquisibile attraverso l’emissione di debito pubblico. Oltre a finanziare indirettamente la crescita, obiettivo per me condivisibile. Non menziono, se non ora incidentalmente, l’obiettivo occulto, l’uscita dall’Euro, che già, peraltro, almeno in parte, è scontata dall’attuale livello dei tassi dei titoli pubblici italiani, maggiori di quelli spagnoli e portoghesi, nonché, per i BTP a 5 anni, di quello greco.
Secondo i proponenti non si tratta di una moneta a corso legale (cioè forzoso), ma una sorta di “quasi moneta” a base fiduciaria emessa (e garantita) dallo Stato per pagare i debiti della PA, e che poi potrà essere utilizzata, sempre su base volontaria, per il pagamento delle tasse (e, nella proposta originaria della Lega Nord, carburanti e altro).
Il presidente della BCE Draghi2 ritiene che o è una moneta, e quindi illegale (poiché soltanto la BCE può emettere moneta3), o debito aggiuntivo.
Evidenzio che, in questi casi (interpretazione dei Trattati), non decide né la BCE né il Governo italiano, ma la Corte di Giustizia Europea, previo ricorso.
I debiti commerciali della PA, come dice la parola stessa, sono debiti, inscritti nel bilancio di competenza, ma non entrano nel debito pubblico finché non vengono inscritti nel bilancio di cassa e pagati, emettendo titoli pubblici, e quindi aumentando il debito pubblico. Con tutto quel che ne consegue: aumento del rapporto debito/Pil, con probabili effetti sullo spread BTP-Bund e il rischio quasi certo di una seconda procedura di infrazione, o un aggravamento di quella già attivata dalla Commissione Europea4, visti i pessimi rapporti del Governo gialloverde con l’Unione Europea, che, dopo le ultime elezioni europee, continuerà ad essere governata da una coalizione di centro-sinistra.
Uno dei sostenitori dei Minibot, Nino Galloni, ha affermato, tra l’altro, che “Se [lo Stato, ndr] avrà un -X (di euro) dal pagamento delle tasse, a saldo non cambierà nulla. Quindi non è che lo Stato si indebita di più perché riceve meno tasse in euro, essendo stato pagato il suo credito in minibot. Si è semplicemente regolata, parzialmente, la problematica della liquidità”.5
No, a me pare che se e quando i Minibot saranno utilizzati per pagare tasse causeranno un buco nelle entrate fiscali, che dovrà essere coperto o da un aumento del deficit (e perciò del debito) o da tagli di spesa o da tasse aggiuntive, per niente oppure in tutto o in parte (grazie al moltiplicatore) correlate a un incremento del reddito attivato dai Minibot. Quindi, i Minibot non eliminano interamente l’aumento formale del debito pubblico.
E’ ragionevole ipotizzare la nascita di un mercato dei Minibot, la cui quotazione dipenderà, oltre che dalla garanzia dello Stato, dalla fiducia che ispirerà questo strumento.
Osservo, infine, che finora, per i debiti pregressi della PA, si sono pagati 45 mld6 emettendo titoli pubblici, previo accordo con la Commissione Europea.
Nel periodo in cui è avvenuto, i rapporti periodici del Governo italiano alla Commissione Europea esponevano il debito pubblico in tre voci: (i) debito pubblico complessivo; (ii) sostegni ai Paesi in difficoltà; e (iii) pagamenti debiti pregressi PA, dando luogo a tre distinti rapporti debito/Pil, uno ponendo al numeratore il valore del debito complessivo, un altro sottraendo dal debito complessivo il valore dei sostegni, e il terzo, sottraendo anche i pagamenti debiti pregressi PA. Nel DEF 2019, sono stati scorporati soltanto i sostegni.7
Pertanto, l’alternativa ai Minibot è continuare come si è fatto finora concordando con la Commissione Europea la procedura.
______________________

Note

[1] Cosa sono i minibot e perché se ne parla
Pubblicato il: 07/06/2019
di Federica Mochi
[3] GALLONI A DRAGHI: I MINIBOT NON SONO NÉ VALUTA NÉ DEBITO
[4] La Commissione Europea raccomanda contro l’Italia la procedura d’infrazione per debito eccessivo
https://vincesko.blogspot.com/2019/06/la-commissione-europea-raccomanda.html  
[5] Articolo 16 Banconote Conformemente all'articolo 128, paragrafo 1, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, il consiglio direttivo ha il diritto esclusivo di autorizzare l'emissione di banconote in euro all'interno dell'Unione. La BCE e le banche centrali nazionali possono emettere banconote. Le banconote emesse dalla BCE e dalle banche centrali nazionali costituiscono le uniche banconote aventi corso legale nell'Unione. La BCE rispetta per quanto possibile la prassi esistente in materia di emissione e di progettazione di banconote.
[6] Debiti della PA - Aggiornamento del 10 luglio 2017


**********





giovedì 6 giugno 2019

La Commissione Europea raccomanda contro l’Italia la procedura d’infrazione per debito eccessivo




Ue, la Commissione raccomanda la procedura contro l'Italia. Il governo: "Ora dialogo"
Il report dell'esecutivo Ue: "Debito pesa per 38.400 euro ad abitante oltre a 1000 euro all'anno per rifinanziarlo". Conte: "Manovra bis non all'orizzonte". Dombrovskis: "Dall'esecutivo danni all'economia"

Di Maio e Salvini sono due incompetenti, ma questa storia del debito è una fesseria, che conferma il doppio standard applicato dalla Commissione contro l'Italia. Ma poiché non può contestare il deficit, perché il fiscal compact è ibernato, allora contesta il debito, finora mai contestato a nessun Paese dell’Unione Europea
Nel 2012 abbiamo pagato 86 mld di interessi passivi sul debito pubblico (inclusi 3 mld per i derivati), ora ne paghiamo 65, ancorché il debito pubblico sia cresciuto da allora di oltre 300 mld1. Scomponendo le determinanti, infatti, l’effetto tasso d'interesse (doppio o triplo di quello francese e tedesco) sull’ammontare e sulla dinamica del debito pubblico (che, per effetto degli interessi, si autoalimenta) è rilevante, in barba all’obiettivo strategico UE della convergenza.
Un rapporto serio, razionale, efficace tra l’UE e l’Italia dovrebbe contemplare un accordo politico basato su uno scambio tra politica di bilancio rigorosa e calo del tasso d’interesse, oggettivamente abnorme in base ai fondamentali (avanzo primario, sostenibilità del sistema pensionistico nel lungo periodo, saldo positivo delle partite correnti, debito totale pubblico e privato), in modo da liberare fino ad una trentina di miliardi all’anno, rivenienti dalla diminuzione della spesa per interessi, per sostenere la crescita economica e dell’occupazione.
Peraltro, l’80% degli acquisti BCE è detenuto dalla Banca d’Italia, che gira il 95% del suo utile d’esercizio al Governo (6 mld quest’anno per il 2018). La stessa BCE distribuisce fino all’80% del suo utile agli Stati membri, in ragione delle rispettive quote nel capitale della BCE.
Io ricorrerei anche alla Corte di Giustizia Europea contro la formula astrusa del deficit strutturale, che la stessa Commissione giudica inaffidabile, e che ritiene la disoccupazione del 10% “normale”. Usando il criterio applicato ad esempio dall’OCSE e da altri, l’Italia ha già raggiunto da anni il pareggio strutturale di bilancio ed ha un margine per aumentare il deficit. Ovviamente, è rilevante come lo si destina: a spesa corrente o a investimenti.
Ed invece il peggio, con Salvini - che era considerato dai decani della Lega Nord una scheggia impazzita -, probabilmente deve ancora venire.

[1] Traggo dal mio libro “LE TRE PIU’ GRANDI BUFALE DEL XXI SECOLO”: “il debito italiano (dati del PIL revisionati dall’ISTAT) è passato dal 100% nel 2008 (1.650 miliardi, 2° governo Prodi) al 116,5% nel 2011 (4° governo Berlusconi, durato quasi 3 anni e mezzo) passando da 1.650 a 1.910 miliardi con un aumento di 260 miliardi (inclusi 13 miliardi per aiuti agli altri Paesi, di cui 10 miliardi per prestito bilaterale alla Grecia e 3 miliardi al Fondo salva-Stati), al 128% e 2.040 miliardi (inclusi 30 miliardi per contributi al Fondo salva-Stati) col Governo Monti, e, infine, al lordo di 58 miliardi di sostegni, al circa 131% attuale con 2.323 miliardi al 30.6.2018, quindi è ulteriormente aumentato in cinque anni e tre mesi di 273 mld, con un incremento percentuale dal 2008 del rapporto debito/PIL pari al +31,0%;”.
Quindi, il debito pubblico è aumentato col governo Berlusconi (3 anni e mezzo) di 260 mld, di cui 13 di “sostegni ai Paesi in crisi”, quindi di 247 mld; col governo Monti (un anno e mezzo) di 130 mld, di cui 30 mld di “sostegni”, quindi di 100 mld. In più, occorre scorporare le rispettive quote di debito pubblico per “pagamento debiti pregressi PA” e “disponibilità liquide Tesoro” (v. libro).


Post e articoli collegati

Fiscal compact, piove, anzi diluvia, sul bagnato. Alcune contromisure

Commissione UE, due pesi e due misure

Carlo Clericetti  -  8 MAG 2019
Robin contro l’output gap
Possiamo aggiungere che il Nairu stimato per l’Italia corrisponde al tasso di disoccupazione che effettivamente si registra. In altre parole, l’equilibrio della nostra economia, secondo la Commissione, comporta un tasso di disoccupazione a doppia cifra. C’è bisogno di ulteriori commenti?

Di chi è l’oro detenuto dalla Banca d’Italia
Io sono miscredente, ma una delle cose in cui credo con una certa sicurezza è che la Banca d’Italia è un Istituto di diritto pubblico, in definitiva di proprietà dello Stato. Come è confermato dalla ripartizione dell’utile, che risponde ad uno schema definito[4]: nel 2018, 3,36 mld al Tesoro e appena 218 mln a quelli che la vulgata dei propalatori di BUFALE alla Borghi ritiene siano i proprietari.[5] Nel 2019, 5.710 milioni allo Stato e appena 227 milioni ai Partecipanti.[6]
NB: Vale la pena di evidenziare che lo Stato (Tesoro) non è titolare di neppure una quota della Banca d’Italia.


**********





mercoledì 5 giugno 2019

Le proposte gialloverdi e il conto della serva




Pare che i conti della serva attestino che:
- congelare l’aumento dell’IVA costi 23 mld (all’anno);
- la “flat tax” costi almeno 30 mld (all’anno);
- compensare la mancata vendita di beni pubblici, già messa a bilancio, costi 18 mld (all’anno).
Totale 71 miliardi annui.
Ai quali va aggiunto l’aumento della spesa per interessi, causato dalle grida salviniane.
Quali sono le coperture?
• Per l’IVA, non ci sono;
• per la “flat tax”, si interverrà con la rimodulazione delle deduzioni e detrazioni, ma allora diventa una partita di giro;
• per sostituire la vendita dei beni, non si sa.
L’aumento delle entrate da imposte derivanti dalla eventuale crescita causata dallo shock fiscale è aleatorio, soprattutto se (i) le classi beneficiarie, come si ventila per la “flat tax”, saranno i ricchi e i più abbienti, a bassa propensione al consumo; e (ii) l’aumento di reddito si trasformerà in tutto o in parte in risparmio e non in investimenti e in consumi.
Se è così, guardiamoci dai matti incompetenti, reticenti e turlupinatori.


**********



venerdì 31 maggio 2019

Lettera alla professoressa Veronica De Romanis sulle sue notizie false su chi ha attuato l’austerità economica




Pubblico la lettera che ho inviato quattro giorni fa alla professoressa Veronica De Romanis dopo aver letto un suo articolo in cui ha attribuito erroneamente al Governo Monti la responsabilità dell’austerità economica. Ad oggi non ho ricevuto alcuna risposta.

Lettera alla professoressa Veronica De Romanis sulle sue notizie false su chi ha attuato l’austerità
Da:  v
29/5/2019 18:18
A:  vderomanis@luiss.it   Copia  vpue@stanford.edu   e altri 47+150


Egr. Professoressa De Romanis,
Traggo dal Suo blog del 27 maggio u.s. su Huffington PostChi promette meno regole in Europa, domani chiederà soldi ai contribuenti”:
“Per calmare la tensione sui mercati e ridurre lo spread - arrivato a oltre 500 punti base -, l’esecutivo guidato da Mario Monti dovette implementare dosi massicce di austerità.”
Osservo che anche Lei, come Suo marito e quasi tutti gli economisti italiani, più qualche premio Nobel, è vittima di quella che in un mio recente, modestissimo libro, che ho deciso di scrivere con fatica dopo nove anni di contrasto alla DISINFORMAZIONE generale su ciò che successe nella XVI legislatura (Governi Berlusconi e Monti), ho definito LA PRIMA PIU’ GRANDE BUFALA DEL XXI SECOLO. E non Le sembri esagerata questa definizione, dal momento che in Italia ha fatto 60 milioni di vittime, inclusi quasi tutti gli esperti e i docenti universitari. Per poi estendersi al mondo intero, includendo premi Nobel di Economia, Istituzioni importanti e i giornali più prestigiosi.
Traggo dal mio libro “LE TRE PIU’ GRANDI BUFALE DEL XXI SECOLO”, capitolo 1, le cui fonti sono state Il Sole 24 ore, la CGIA di Mestre, l’ISTAT e i dossier del Servizio Studi della Camera dei Deputati (o del Senato):
Riepilogo delle manovre correttive (importi cumulati da inizio legislatura):
- governo Berlusconi-Tremonti 266,3 mld (80,8%);
- governo Monti 63,2 mld (19,2%);
Totale 329,5 mld (100,0%).
Come può facilmente dedurre, detto sinteticamente in linguaggio calcistico, Berlusconi ha battuto Monti per 4 a 1 (ancor di più in termini di iniquità).
E, come risulta dalla tabella n. 3, il grosso si concentrò dal maggio 2010 (dopo la crisi del debito greco, secondo Romano Prodi gestita malissimo, per colpa soprattutto della Germania) al dicembre 2011.
Tabella n. 3 - Valori delle cinque manovre correttive varate dal 2010 al 2012
Governo Berlusconi: DL 78/2010, DL 98/2011 e DL 138/2011; Governo Monti: DL 201/2011 e DL 95/2012 (milioni di euro)
DL
2010
2011
2012
2013
2014
TOTALE
%
DL78/2010
36
12.131
25.068
  25.033
-
  62.268
22,8
DL98/2011
-
  2.108
  5.577
  24.406
49.973
  82.064
30,1
DL138/2011
-
    732
22.698
  29.859
11.822
  65.111
23,8
Tot.Gov.B.
36
14.971
53.343
  79.298
61.795
     209.443
76,7
DL201/2011
-
-
20.243
  21.319
21.432
  62.994
23,1
DL95/2012*
-
-
    603
        16
      27
       646
  0,2
Tot.Gov.M.
-
-
20.846
  21.335
21.459
  63.640
23,3
TOTALE
36
14.971
74.189
    100.633
83.254
     273.083
100,0
  %
-
 5,5
      27,2
      36,9
      30,5
100,0

*Minori spese per 20.326 milioni nel triennio 2012-14 sono compensate da minori entrate per 19.680.
(Fonte: elaborazione mia su dati del Servizio Studi della Camera o del Senato)
In relazione al Suo blog, concernente le regole UE, osservo anche che, di fronte alla crisi scoppiata in UE nel 2008-09, la Commissione Europea inserì il pilota automatico (le regole a Lei tanto care e che il professor Romano Prodi definì stupide, privilegiando una razionale, sensata politica economica anticiclica: espansiva nelle congiunture negative, restrittiva in quelle positive) e implementato una politica economica prociclica e quindi recessiva, che ha aggravato e prolungato la crisi.
Per soprammercato, ha usato un doppio standard (come ha attestato la Corte dei Conti UE) e chiuso entrambi gli occhi verso alcuni Paesi (Francia, Spagna, ecc.), che hanno impunemente violato per ben 10 anni le predette regole a Lei tanto care. Ma non all'Italia, a causa dell’elevato debito pubblico, facendole perdere quasi 200 mld di Pil annui. Il che naturalmente ha peggiorato il rapporto debito/Pil.
Sulle politiche fiscali divergenti, questa tabella dell’EUROSTAT è più eloquente di tante parole:
Tabella n. 4 - EUROSTAT – Deficit/Pil
PAESE
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
Italia
-1,5
-2,7
-5,3
-4,2
-3,5
-2,9
-2,9
-3,0
-2,6
-2,4
Francia
-2,5
-3,2
-7,2
-6,8
-5,1
-4,8
-4,0
-4,0
-3,5
-3,4
Spagna
+2,0
-4,4
-11,0
-9,4
-9,6
-10,4
-6,9
-5,9
-5,1
-4,5
Gran Br
+0,2
+0,2
-10,7
-9,6
-7,7
-8,3
-5,6
-5,6
-4,4
-3,0
Germania
+0,2
-0,2
-3,2
-4,2
-1,0
-0,1
-0,1
+0,3
+0,7
+0,8
Olanda
+0,2
+0.2
-5,4
-5,0
-4,3
-3,9
-2,4
-2,3
-2,1
+0,4
Grecia
-6,7
-10,2
-15,1
-11,2
-10,3
-8,9
-13,1
-3,7
-5,9
+0,7
Irlanda
+0,3
-7,0
-13,8
-32,1
-12,6
-8,0
-5,7
-3,7
-2,0
-0,6
Portogallo
-3,0
-3,8
-9,8
-11,2
-7,4
-5,7
-4,8
-7,2
-4,4
-2,0
(Fonte: EUROSTAT)
Sul debito pubblico, trattato ampiamente nel libro, mi limito ad una sola annotazione: includendo il debito pubblico «sotto il tappeto», il rapporto debito pubblico/Pil della Germania e dell’Olanda (2016) sale, rispettivamente, al 172% e al 173%, poco sotto quello dell’Italia, che si attesta al 180%.
Poi, con un ritardo di 6 anni rispetto alla FED e alla BoE, dopo un massacro economico e umano in buona parte dell’Eurozona, segnatamente quella meridionale, e per parare il rischio di implosione dell’Euro, ha cercato di ovviare la BCE, che aveva per anni violato il proprio statuto (art. 2), mediante una politica monetaria espansiva, che ovviamente non ha potuto molto, se non incidere sul livello dei tassi di interesse con la conseguente riduzione della spesa per interessi.
Grosse responsabilità, pertanto, si possono imputare all’oligarchia europea (Commissione, Consiglio e BCE) sulla gestione della crisi economica, sul fatto che in Italia (e non solo) essa si è trasformata in depressione economica e sull’applicazione delle regole stabilite dai Trattati e dalle norme complementari alle quali Lei tiene tanto e si preoccupa che siano osservate dall’Italia alla lettera, come in effetti succede (soltanto in Italia) dal 2008, con effetti severi sul benessere degli Italiani, in particolare dei poveri cristi, dipendenti molto più dei ricchi e dei benestanti come Lei dallo Stato, forse ignorando che la missione dell’Unione Europea – come è stabilito dal suo preambolo e dal fondamentale art. 3 (art. 2 statuto BCE) dei Trattati UE - sono una “crescita economica equilibrata”, la “piena occupazione” e il “progresso sociale”.
Per giunta, Lei – analogamente a quasi tutti gli economisti, di qualunque orientamento - ignora che a implementare il grosso delle manovre correttive ed a causare la recessione, costretto dalla Commissione e dalla BCE (v. la famosa, irrituale, abnorme lettera del 5.8.2011, con prescrizioni dettagliate in contropartita dell’acquisto di titoli di Stato per raffreddare lo spread, ma del tutto insufficienti), è stato il Governo Berlusconi, che ha dovuto varare in poco più di un anno manovre per ben 267 mld [rectius: 209 mld, ndr] cumulati per il triennio o quadriennio successivo (ma le misure strutturali vigono tuttora), e non Monti, che ne ha varato per “appena” 63 mld cumulati, non capendo appieno, quindi, né le responsabilità né i nessi causali.
Spero di esserLe stato utile.
Cordiali saluti,