mercoledì 21 febbraio 2018

Lettera al Prof. Roberto Perotti: errori sulle pensioni in due suoi articoli su Repubblica





Pubblico la lettera che ho inviato il 17.2 scorso al professor Roberto Perotti, dopo aver letto due suoi articoli pubblicati su Repubblica, contenenti alcuni errori sulle pensioni. Ad oggi, non ho ricevuto alcuna risposta.

Lettera al Prof. Roberto Perotti: errori sulle pensioni in due suoi articoli su Repubblica
Da:  v
17/2/2018 14:10

Egr. Prof. Perotti,
Traggo dal Suo articolo “Forza Italia e Lega, promesse impossibili fino a 310 miliardi” su Repubblica
Citazione: “Riguardo alla legge Fornero, la proposta della Lega (quota 41 e quota 100, e annullamento dell’adeguamento dell’età pensionabile alla speranza di vita)”.
E dal precedente articolo “Il programma del M5s porta un disavanzo di 63 miliardi”: 
Citazione2: “compreso il blocco dell'adeguamento dell'età pensionabile alle aspettative di vita. Tuttavia, quest'ultimo richiede di modificare anche tutte le riforme approvate dai governi di centrodestra dal 2004 in poi”.
  
Anche Lei, professor Perotti, nonostante le mie precedenti lettere sulle pensioni inviateLe p.c. (20/10/2017, 3/1/2018 e 16/1/2018), non conosce bene le norme pensionistiche. Mi permetto di rammentargliele.

Premessa
Dal 1992, le riforme delle pensioni, considerando un’unica riforma le norme emanate da Sacconi nel 2010 e 2011 (oltre che nel 2009, col DL 78/2009), sono state 7 (Amato, 1992; Dini, 1995; Prodi, 1997; Berlusconi/Maroni, 2004; Prodi/Damiano, 2007; Berlusconi/Sacconi, 2010 e 2011; Monti-Fornero, 2011).
La riforma delle pensioni Fornero (L. 214/2011, art. 24) è solo l’ultima delle sette e non la più severa. Ad essa, da sei anni, vengono attribuite erroneamente o furbescamente misure severe della riforma SACCONI (L. 122/2010, art. 12, nonché L. 111/2011 e L. 148/2011).

Tipi di pensione
Fino al 2011, esistevano tre modi o tipi di pensionamento ordinario: (i) quello di vecchiaia e (ii) quello di anzianità (anzianità contributiva, prescindendo dall’età anagrafica) e, nell’ambito di questo, (iii) quello delle “quote” (somma di età anagrafica e anzianità contributiva).
La riforma Fornero ha (i) ridenominate le pensioni di anzianità in pensioni anticipate e (ii) abolito le “quote”.

Adeguamento automatico
L’adeguamento automatico dell’età di pensionamento alla speranza di vita, contrariamente a ciò che pensano quasi tutti, non è stato introdotto dalla riforma Fornero, come raccontano i bugiardi del centrodestra e i millanta ignoranti delle norme pensionistiche, ma, con un richiamo al DL 78/2009, art. 22ter, che lo prevedeva già, dalla riforma Sacconi (2010 e 2011), col comma 12bis dell’art. 12 della L. 122/2010

Situazione dell’età di pensionamento nel 2019 in base alle norme e agli autori
PENSIONI ANTICIPATE (ex anzianità)
- l'età di pensionamento degli uomini aumenterà (da 40 anni nel 2010) a 43 anni e 3 mesi, e, di questi 3 anni e 3 mesi in più, quasi 2 anni sono pertinenti a SACCONI, 4 mesi in media a Damiano (L. 247/2007) e soltanto 1 anno a Fornero;
- l'età di pensionamento delle donne aumenterà a 42 anni e 3 mesi, e l’incremento di 2 anni e 3 mesi è interamente dovuto alla riforma SACCONI, tranne 4 mesi in media a Damiano, quindi la Fornero non c’entra.
Pertanto, non basta abolire la riforma Fornero - come chiedono Lega Nord e M5S - per scendere a 41 anni.
PENSIONI DI VECCHIAIA
L’età delle pensioni di vecchiaia:
- degli uomini, è aumentata dal 2010 finora di 1 anno e 7 mesi (da 65 a 66 anni e 7 mesi) e questo anno e 7 mesi in più sono dovuti quasi interamente alla riforma SACCONI, tranne 4 mesi in media alla riforma Damiano, quindi  la Fornero non c’entra;
- delle donne del settore pubblico, è aumentata di botto, senza gradualità, di 5 anni (in ottemperanza alla sentenza della CGUE del 2008, ma che poteva avvenire a qualunque età tra 60 e 65) più “finestra” di 12 mesi, e finora da 60 a 66 anni e 7 mesi, e i 6 anni e 7 mesi in più sono ascrivibili quasi interamente alla riforma SACCONI, tranne 4 mesi in media alla riforma Damiano, quindi  la Fornero non c’entra;
- delle donne del settore privato, è aumentata da 60 a 66 anni e 7 mesi, e l’allineamento a 65 anni, più “finestra” di 12 o 18 mesi a tutti gli altri, previsto dalla riforma SACCONI entro il 2026 (2023, incluso l’adeguamento automatico), è stato soltanto accelerato dalla riforma Fornero entro il 2018, ma in ogni caso un anno e 7 mesi (“finestra” di 12 mesi e adeguamento automatico di 7 mesi) sono di SACCONI;
- degli uomini e delle donne autonomi, la riforma Fornero ha eliminato il disallineamento di 6 mesi in più rispetto agli altri, che era contemplato dalla riforma SACCONI, quindi la  Fornero ha ridotto l’età di 6 (sei) mesi.
Dal 2019:
- l’età di pensionamento di tutti aumenterà a 67 anni, e questo ulteriore incremento di 5 mesi è dovuto interamente all’adeguamento automatico previsto dalla riforma SACCONI, quindi  la Fornero non c’entra.
Pertanto, l’abolizione della riforma Fornero cambierebbe poco, in meglio, soltanto per le donne del settore privato (dipendenti e autonome) e, per contro, aumenterebbe di 6 mesi l’età di pensionamento degli autonomi (uomini e donne).

Conclusione
Se ne deduce, senza ombra di dubbio, (i) che, in barba ai millanta disinformatori,  segnatamente i tre leader del centrodestra SALVINI,[2] BERLUSCONI E MELONI,[3] che ambiscono a governare di nuovo l’Italia, dopo avere sgovernato nella scorsa legislatura e massacrato il ceto medio-basso e i poveri cristi con l’81% dei 330 mld delle manovre correttive varate nella scorsa legislatura, distribuiti in maniera scandalosamente iniqua,[4] l’età di pensionamento è stata allungata molto più dalla riforma SACCONI che dalla riforma Fornero; (ii) che la professoressa Fornero è una coraggiosa millantatrice;[5] e (iii) che quasi 60 milioni di Italiani sono da sei anni disinformati, oltre che dal potentissimo sistema propagandistico berlusconiano e del centrodestra, dagli ignoranti delle norme pensionistiche, praticamente tutti i media, immemori di ciò che scrivevano nel 2012 sull’efficacia della riforma SACCONI (l’elenco dei giornalisti è troppo lungo, sopperisco in piccola parte con il mio blog http://vincesko.blogspot.it), e ingannati colpevolmente da politici come Salvini e Meloni e da esperti previdenziali, tra cui tre parlamentari e un ex parlamentare, nonché da ISTAT, EUROSTAT, UPB e INPS,[6] oltre a OCSE,[7] che – presumibilmente fuorviati dalla potente propaganda del centrodestra - ascrivono tutto alla riforma Fornero, obliterando la ben più severa riforma SACCONI.
Infine, anche in termini di risparmio al 2060, sul totale dei 1.000 mld stimato dalla RGS, si parla soltanto dei 300 mld dalla riforma Fornero, i cui effetti peraltro si esauriscono nel 2045, e sui quali, a mio avviso, pesano dubbi di commistione delle altre riforme e di interpretazione delle norme, ma questo sarà oggetto di un altro mio documento, che invierò anche al Presidente della Repubblica, poiché anche RGS, DG-Previdenza e il Parlamento ne interpretano male la chiarissima norma sulla decorrenza biennale, rispettivamente, nel decreto direttoriale, e, da ultimo, nella Legge di Bilancio 2018. Ma nessuno parla, neppure RGS, dei ben maggiori, residui 700 mld, la cui quota nettamente prevalente è dalla severissima riforma SACCONI, sulla quale è stata decretata da tutti una damnatio mamoriae, a scapito della riforma Fornero.[8]

Spero di essere stato utile e sufficientemente esauriente e che voglia in futuro contribuire a chiarire chi ha deciso che cosa in materia di pensioni, in particolare sulla riforma SACCONI.
Cordiali saluti
V.

_____________________________

Note:

[1] 12-bis. In attuazione dell'articolo 22-ter, comma 2, del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, concernente l'adeguamento dei requisiti di accesso al sistema pensionistico agli incrementi della speranza di vita, e tenuto anche conto delle esigenze di coordinamento degli istituti pensionistici e delle relative procedure di adeguamento dei parametri connessi agli andamenti demografici, a decorrere dal 1° gennaio 2013 i requisiti di eta' e i valori di somma di eta' anagrafica e di anzianita' contributiva di cui alla Tabella B allegata alla legge 23 agosto 2004, n. 243, e successive modificazioni, i requisiti anagrafici di 65 anni e di 60 anni per il conseguimento della pensione di vecchiaia, il requisito anagrafico di cui all'articolo 22-ter, comma 1, del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, e successive modificazioni, il requisito anagrafico di 65 anni di cui all'articolo 1, comma 20, e all'articolo 3, comma 6, della legge 8 agosto 1995, n. 335, e successive modificazioni, e il requisito contributivo ai fini del conseguimento del diritto all'accesso al pensionamento indipendentemente dall'eta' anagrafica devono essere aggiornati a cadenza triennale con decreto direttoriale del Ministero dell'economia e delle finanze di concerto con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, da emanare almeno dodici mesi prima della data di decorrenza di ogni aggiornamento. La mancata emanazione del predetto decreto direttoriale comporta responsabilita' erariale. Il predetto aggiornamento e' effettuato sulla base del procedimento di cui al comma 12-ter.(20)(59)((77))
[2] Lettera n. 2 all’On. Matteo Salvini sulle sue notizie false-fake news-bufale sulla riforma delle pensioni Fornero
http://vincesko.blogspot.com/2018/01/lettera-n-2-allon-matteo-salvini-sulle.html 
[3] Lettera all'On. Giorgia Meloni sulle pensioni: propaganda o truffa politico-elettorale?
[4] In questo documento di 18 pagine ho ricostruito le vicende politico-economiche della scorsa legislatura, con notizie e nessi forse sorprendenti, anche in merito alle pensioni, contro le bufale sul governo Berlusconi e il governo Monti propalate da sette anni.
L'assassinio della verità, chi ha davvero messo le mani nelle tasche degli Italiani e causato la grande recessione
[5] Lettera alla Professoressa Elsa Fornero su pensioni e manovre correttive
[6] I sette noti esperti, alcuni dei quali sono parlamentari o ex parlamentari, sono: Cazzola, Giannino, Boeri, Garibaldi, Ichino, Damiano e Sacconi. Vi si aggiungono ISTAT, EUROSTAT, UPB, INPS.
Pensioni, la congiura del silenzio di sette noti esperti di previdenza contro Elsa Fornero
[7] Lettera a Stefano Scarpetta dell’OCSE sulla sua fake news sulla spesa pensionistica italiana, sua risposta e mia replica
[8] Questo articolo mi è stato chiesto da un sito, dopo una mia segnalazione rettificativa (il titolo e alcune piccole modifiche sono redazionali). Vi analizzo anche il risparmio stimato dalla RGS.
Pensioni: l’estremismo di Bankitalia e Corte dei Conti
di Vincesko - 27 October 2017
Qui sotto, c’è anche (migliorato qualitativamente) il grafico della RGS e altre mie osservazioni critiche sul risparmio calcolato dalla RGS.
Lettera a Davide Colombo del Sole 24 ore su un suo articolo con qualche fake news sulle pensioni




martedì 20 febbraio 2018

Lettera a Sergio Luciano de Il Sussidiario sulle sue fake news sulle pensioni




Pubblico la lettera che ho inviato lo scorso 15 febbraio a Sergio Luciano, del giornale on-line Il Sussidiariodopo aver letto un suo articolo con varie fake news sulle pensioni. Ad oggi, non ho ricevuto nessuna risposta.

Lettera a Sergio Luciano su alcune sue fake news sulle pensioni
Da: v
15/2/2018 15:51

ALLA C.A. DEL DOTT. SERGIO LUCIANO
P.C. DIRETTORE E CAPOREDATTORE

Egr. Dott. Luciano,
Premesso che faccio controinformazione sulle pensioni da sei anni, mi spiace rilevare che Lei ha inanellato una serie di notizie false-fake news nel Suo articolo “LEGGE FORNERO/ Il “dilemma pensioni” ignorato da tutti i partiti
Ne faccio un’analisi puntuale.

Citazione1: “dando dei bugiardi sia a Silvio Berlusconi che a Matteo Salvini e Giorgia Meloni”.
Il bugiardo lo meritano tutto, soprattutto Salvini,[1] con l’ausilio saltuario della Meloni,[2] ma non soltanto perché vogliono abolire la riforma Fornero, bensì anche perché fanno una cortina fumogena per nascondere la ben più severa riforma SACCONI, che essi votarono nel 2010 e 2011, della quale attribuiscono furbescamente misure severe alla riforma Fornero, in particolare l’adeguamento automatico dell’età di pensionamento alla speranza di vita.[3]

Citazione2: “i risparmi resi possibili dalla legge Fornero, dal 2012 (anno di entrata in vigore) al 2060, sono di circa 350 miliardi di euro a valori correnti, pari a complessivi 21 punti di Pil”.
Il risparmio della riforma Fornero (con tutte le riserve del caso connesse sia all’interpretazione delle norme – vedi la modifica della decorrenza della periodicità da triennale a biennale dell’adeguamento automatico, L. 214/2011, art. 24, comma 13 -, sia alla possibile commistione tra di esse) è solo un terzo del risparmio complessivo dalle quattro riforme dal 2004, stimato da RGS in 60 punti di Pil al 2060, pari a 1.000 mld.[4] Inoltre, vanno detratte le cifre già stanziate dal 2012 per le salvaguardie degli esodati e per altre misure, per cui l’importo residuo scende a 280 mld. Infine, vedasi anche citazione5.

Citazione3: Ricordiamoci una cosa: il governo Monti verrà ricordato essenzialmente per la legge Fornero, l'unica parte delle raccomandazioni europee spedite nell'estate del 2011 dalla Commissione europea a Roma a essere stata "eseguita". [...] L'unica ragione per la quale l'algido Monti riuscì sia pure male e lentamente a compiere la missione che gli era stata affidata, e cioè chiudere il famoso spread tra il rendimento dei titoli di Stato italiani e quelli tedeschi, è che fece la riforma Fornero.”.
Fake news triplice. (i) Nell’estate del 2011 c’era ancora il Governo Berlusconi; (ii) le “raccomandazioni” (UE e BCE) furono quasi tutte eseguite dal Governo Berlusconi, tranne, in materia previdenziale, l’abolizione delle pensioni di anzianità e l’allineamento delle donne del settore privato a tutti gli altri, a causa del veto di Bossi; e (iii) durante il Governo Monti (la cui bussola e programma era la lettera del 5.8.2011 della BCE), dopo un iniziale calo, lo spread riprese a crescere, fino al risolutivo “whatever it takes” di Draghi del luglio 2012.
Ma il discorso è lungo e complesso. In questo documento di 18 pagine[5] ho ricostruito le vicende politico-economiche della scorsa legislatura, con notizie e nessi forse sorprendenti (anche sulle pensioni, in merito alle quali l’errore dei 67 anni entro il 2026 anziché 2021, riportato dall’ANSA e da tutti i media, ebbe un’influenza importante sulla sorte del governo Berlusconi), contro le bufale sul governo Berlusconi e il governo Monti propalate da sette anni, che hanno fatto quasi 60 milioni di vittime.

Citazione4: “Che sarebbe stata una riforma travagliata lo si capì sin dalla grottesca conferenza stampa nella quale la ministro del Lavoro Elsa Fornero - peraltro brava persona e brava economista - fu però così stressata dal contesto da scoppiare in lacrime”.
La professoressa Fornero è una coraggiosa millantatrice[6] (vedi appresso) e l’Italia il Paese del melodramma. Questo, assieme alla formulazione, che inclina talvolta al plagio (vedi, ad esempio, l'aumento di un anno dell'età di pensionamento, compensata dall'abolizione della “finestra” Damiano-SACCONI, senza però esplicitarlo), del testo della legge (L. 214/2011, art. 24), alla sovraesposizione mediatica successiva della professoressa Fornero, che non ha mai rinviato i millanta intervistatori ai veri autori delle norme che le venivano indebitamente attribuite, alla DISINFORMAZIONE della potentissima propaganda berlusconiana e del centrodestra, con l’ausilio di noti esperti, e alla memoria corta dei giornalisti,[7] ha fatto sì che la riforma Fornero fagocitasse le sei precedenti riforme dal 1992, inclusa la ben più severa riforma SACCONI (2010 e 2011), e fosse travisata e sopravvalutata nell’opinione generale nazionale ed estera.

Citazione5: “Per dare qualche dato essenziale basti pensare che la riforma realizza un taglio della spesa per le pensioni in rapporto al Pil che prosegue per ben tre decenni, dal 2012 in poi. Nel 2020 il solo effetto della Fornero si calcola possa incidere l'1,4% del Pil, il che significherebbe, se il prodotto restasse invariato, circa 22 miliardi”.
(i) L’effetto della riforma Fornero arriva fino al 2045; quello della riforma SACCONI arriva al 2060. (ii) I circa 22 mld includono 5 mld di blocco della perequazione, dichiarato incostituzionale; peraltro, il blocco della perequazione recato dalla L. 214/2011, art. 24 (Fornero), che riguardava le pensioni superiori a 3 volte il minimo, è stato giudicato incostituzionale con la sentenza n. 70/2015; e aveva abrogato un analogo provvedimento di blocco della perequazione recato dal DL 98/2011 (L. 111/2011) del governo Berlusconi-Sacconi, meno severo, poiché il blocco riguardava le pensioni superiori a 5 volte il minimo, che forse avrebbe superato il vaglio della Corte Cost., com’era successo in passato per provvedimenti analoghi.

Citazione6: “La gente comune, che giustamente non si occupa di politica previdenziale, non sa - oltretutto - che la riforma Fornero inasprì ma non inventò una serie di innovazioni normative che erano state introdotte nel 2010 dalla precedente riforma, quella fatta da Roberto Maroni e Maurizio Sacconi, ministro e sottosegretario del centrodestra”.
E' corretta e opportuna la prima parte, ma anche Lei, purtroppo, non rammenta che Maroni fu ministro del Lavoro nel 2004, e nel 2010 è ministro dell’Interno; nel 2010, è Sacconi il ministro del Lavoro.[8]

Citazione7: “La Fornero ha però anche introdotto un nuovo regime delle quote, ossia di quel numerino che rappresenta la somma tra l'età anagrafica e l'anzianità lavorativa che determina il diritto ad andare in pensione d'anzianità”.
Le “quote” (somma di età anagrafica e anzianità contributiva) sono state abolite dal 2012 dalla riforma Fornero. I due modi ordinari di pensionamento sono (i) la pensione di vecchiaia e (ii) la pensione anticipata (ex anzianità).

Citazione8: “Dopo la Fornero per andare in pensione anticipata servono 42 anni e 10 mesi di contributi (per le donne uno in meno), che dal 2019 saliranno a 43 anni e tre mesi”.
E’ opportuno puntualizzare che dei 3 anni e 3 mesi in più degli uomini rispetto al 2010, quasi 2 anni sono di Sacconi, 4 mesi in media di Damiano (L. 247/2007) e soltanto 1 anno di Fornero; dei 2 anni e 3 mesi in più delle donne rispetto al 2010, quasi 2 anni sono di SACCONI, 4 mesi in media di Damiano e zero di Fornero.
Dei 67 anni di vecchiaia nel 2019, degli uomini e delle donne del settore pubblico, i 2 anni in più sono di SACCONI, tranne 4 mesi in media di Damiano, zero di Fornero. Dei 67 anni delle donne del settore privato, la riforma Fornero ha solo accelerato gradualmente entro il 2018 l’allineamento a 65 anni a tutti gli altri, già previsto entro il 2026 (2023, includendo l’adeguamento automatico) da SACCONI, ma comunque i 2 anni in più sono di SACCONI, tranne 4 mesi in media di Damiano.

Citazione9: “Secondo Stefano Scarpetta, Direttore del dipartimento occupazione, lavori e affari sociali dell'Ocse?, intervistato dall'Agi pochi giorni fa, il vero punto debole della riforma Fornero è che, se ha messo i conti in sicurezza, ha posto le premesse per un grave problema di inadeguatezza delle pensioni”.
Anche l’OCSE, come Eurostat, UPB e talvolta INPS, (i) ignora l’esistenza della riforma SACCONI, semplicemente chiamandola Fornero;[9][7]; (ii) logica strana: se la riforma Fornero dà un risparmio solo di 1/3 del totale, i conti pensionistici sono stati messi in sicurezza molto di più dai residui 2/3, la cui quota prevalente è della riforma SACCONI, anche se quasi nessuno la cita e l’RGS non lo scrive.  

Citazione10: “Ecco: lavorare fino a settant'anni e ritrovarsi una pensione da fame.
(i) L’età di pensionamento a 67 anni e poi via via a 70 anni e oltre è frutto della riforma SACCONI, in particolare dell’adeguamento automatico introdotto, con un richiamo al DL 78/2009, che l'aveva già previsto, dalla L. 122/2010, art. 12, comma 12bis. Il metodo contributivo – come correttamente ha scritto Lei - è stato introdotto dalla riforma Dini del 1995; la riforma Fornero lo ha soltanto esteso a coloro che ne erano esclusi, vale a dire coloro che al 31.12.1995 avevano già almeno 18 anni di contributi, quindi tutti relativamente anziani. La riforma Fornero ha solo un po’ aggravato (importo minimo dell’assegno pensionistico) le condizioni per poter accedere alla pensione prima dei 70 anni, ma, per contro, ha anche reintrodotto un po’ di flessibilità, prevista in maniera strutturale e significativa dalla riforma Dini, ma abolita dalla riforma Maroni nel 2004.

Spero di esserLe stato utile e che voglia contribuire in futuro a chiarire gli autori delle norme pensionistiche, in particolare SACCONI.
Cordiali saluti
V.

PS: Ritengo doveroso informarLa che pubblicherò questa mia lettera e la Sua eventuale risposta nel mio blog.

________________________

Note:
[1] Lettera n. 2 all’On. Matteo Salvini sulle sue notizie false-fake news-bufale sulla riforma delle pensioni Fornero
[2] Lettera all'On. Giorgia Meloni sulle pensioni: propaganda o truffa politico-elettorale?
[4] Questo articolo mi è stato chiesto da un sito, dopo una mia segnalazione rettificativa (il titolo e alcune piccole modifiche sono redazionali). Vi analizzo anche il risparmio stimato dalla RGS.
Pensioni: l’estremismo di Bankitalia e Corte dei Conti
di Vincesko - 27 October 2017
Qui sotto, c’è anche (migliorato qualitativamente) il grafico della RGS e altre mie osservazioni critiche sul risparmio calcolato dalla RGS.
Lettera a Davide Colombo del Sole 24 ore su un suo articolo con qualche fake news sulle pensioni
[5] L'assassinio della verità, chi ha davvero messo le mani nelle tasche degli Italiani e causato la grande recessione
[6] Lettera alla Professoressa Elsa Fornero su pensioni e manovre correttive
[7] I sette noti esperti, alcuni dei quali sono parlamentari o ex parlamentari, sono: Cazzola, Giannino, Boeri, Garibaldi, Ichino, Damiano e Sacconi. Vi si aggiungono ISTAT, EUROSTAT, UPB, INPS, OCSE.
Pensioni, la congiura del silenzio di sette noti esperti di previdenza contro Elsa Fornero
[9] Lettera a Stefano Scarpetta dell’OCSE sulla sua fake news sulla spesa pensionistica italiana, sua risposta e mia replica

lunedì 19 febbraio 2018

Lettera al Prof. Alberto Zanardi: documento di un suo corso universitario con errori marchiani sulle pensioni




Pubblico la lettera che ho inviato il 14.2 scorso al professor Alberto Zanardi,   docente ordinario di Scienza delle Finanze sia all’Università di Bologna che all’Università Bocconi, sia membro del Consiglio direttivo dell’Ufficio Parlamentare di Bilancio (UPB), dopo aver letto un documento di un suo corso, contenente alcuni errori marchiani sulle pensioni. Ad oggi, non ho ricevuto nessuna risposta.

Egr. Prof. Zanardi,
Facendo una ricerca in Internet sulle pensioni, circa le quali faccio controinformazione da quasi sette anni [mi sono accorto solo ora, cercando il Suo indirizzo e-mail, che Lei è stato uno dei destinatari delle mie varie e-mail di debunking], ho incrociato casualmente questo documento:
Scienza delle finanze
CLEAM cl. 6 A.A.
2011-2012

Da quest’altro, ho ricavato il Suo nome come autore del predetto documento:
Università Bocconi a.a. 2008-09
6061 Scienza delle Finanze - CLEAM
Il sistema pensionistico
Alberto Zanardi

Dal primo documento, traggo l’elenco delle principali riforme:
Il sistema pensionistico italiano
Principali tappe del sistema pensionistico italiano
1970 Introduzione del sistema a ripartizione con metodo contributivo
1992 Riforma Amato
1996 Riforma Dini
2004 Riforma Maroni
2007 Protocollo Welfare
2012 Riforma Monti

Mi permetto di constatare che, oltre a chiamare curiosamente la riforma Damiano (L. 247/2007“Protocollo Welfare” e a indicare solo Maroni come ministro del Lavoro autore di riforma (ma, in altri documenti, cita Fornero, oltre a dati errati dell’età di pensionamento, presumo ricavati da OCSE, vedi appresso), anche Lei, sorprendentemente, infligge la pena della damnatio memoriae[1] alla riforma delle pensioni SACCONI (L. 122/2010, art. 12, più L. 111/2011 e L. 148/2011), che è molto più severa della riforma delle pensioni Fornero (L. 214/2011, art. 24),[2] anche in termini di risparmio, anche se RGS stima nominativamente soltanto la riforma Fornero,[3] alimentando anch’essa la vulgata che ha fatto tutto la riforma Fornero.
Anche Lei – o chi per Lei - attribuisce misure della riforma SACCONI alla riforma Fornero, in particolare l’adeguamento automatico alla speranza di vita, che è stato introdotto, con un richiamo al DL 78/2009, dal comma 12bis dell’art. 12 della L. 122/2010. Le pensioni di anzianità (che prescindono dall'età anagrafica) hanno soltanto cambiato nome; sono state abolite le cosiddette “quote” (somma di età anagrafica e anzianità contributiva). L'età di pensionamento di vecchiaia a 66 anni è frutto esclusivamente della riforma SACCONI. 
Legge 214/211
• Applicazione del metodo contributivo a tutti a partire dal 1° gennaio 2012 (per le anzianità contributive maturate dopo tale data)
• Pensione di vecchiaia: 66 anni per tutti entro il 2018
• Anzianità contributiva minima: 20 anni
• Pensione anticipata (no pensione di anzianità): D 41 anni e 1 mese; U 42 anni e 1 mese. Aumento progressivo (adeguamento alla speranza di vita)
• Introduzione di disincentivi per chi va in pensione prima dei 62 anni 
• Parziale flessibilità nell’uscita dal lavoro tra i 62 e i 70 anni attraverso l’applicazione dei coefficienti di trasformazione
• Indicizzazione all’inflazione: bloccata per il 2012 e 2013 per i trattamenti pensionistici > 1400 euro nel 2011.
Per dimostrare che la riforma SACCONI è molto più severa della riforma Fornero, riporto anche:
Il quadro complessivo dell’età di pensionamento in base alle norme e ai loro autori è il seguente (nel 2019):
QUOTE: abolite dalla riforma Fornero.
PENSIONE ANTICIPATA (ex anzianità)
- L'età di pensionamento degli uomini salirà (da 40 anni nel 2010) a 43 anni e 3 mesi e di questi 3 anni e 3 mesi in più quasi 2 anni sono di SACCONI, 4 mesi in media di Damiano e  solo 1 anno di Fornero.
- L'età di pensionamento delle donne salirà (da 40 anni) a 42 anni e 3 mesi, e di questi 2 anni e 3 mesi in più, quasi 2 anni sono di SACCONI e 4 mesi in media di Damiano; quindi  la Fornero non c’entra.
PENSIONE DI VECCHIAIA
- L'età di pensionamento degli uomini salirà (da 65 nel 2010) a 67 anni e questi 2 anni in più sono di SACCONI, tranne 4 mesi in media di Damiano; quindi  la Fornero non c’entra.
- L'età di pensionamento delle donne del settore pubblico salirà (da 60 di botto a 65 deciso nel 2010 da SACCONI a seguito della sentenza del 2008 della CGUE, ma che poteva avvenire a qualunque età tra 60 e 65 anni) + “finestra” di 12 mesi a 67 anni e questi 7 anni in più sono tutti dovuti a SACCONI, tranne 4 mesi in media a Damiano; quindi  la Fornero non c’entra.
- L’allineamento dell'età di pensionamento delle donne del settore privato (da 60) a tutti gli altri (già regolati da SACCONI) a 65 anni più “finestra”, previsto da SACCONI gradualmente entro il 2026 (2023, includendo l'adeguamento automatico), è stato accelerato da Fornero gradualmente entro il 2018, ma in ogni caso 2 anni (da 65 a 67) sono di SACCONI, tranne 4 mesi in media di Damiano.
Va aggiunto (i) che la riforma Fornero ha ridotto da 18 (previsto dalla riforma SACCONI) a 12 mesi la “finestra” degli autonomi; (ii) che la riforma Fornero ha aumentato l'età base di vecchiaia e di anzianità di 1 anno (rispettivamente da 65 a 66 e da 40 a 41), ma solo formalmente, poiché ha abolito contestualmente la “finestra” di 12 mesi, di Damiano (4 mesi in media) e SACCONI (8 mesi), ma senza evidenziarlo, così si è intestata entrambe le misure; (iii) che, dal 2022, in forza della legge Fornero (L. 214/2011, art. 24, comma 13), l'adeguamento automatico diverrà biennale (“13 Gli adeguamenti agli incrementi della speranza di vita successivi a quello [triennale, ndr] effettuato con decorrenza 1° gennaio 2019 sono aggiornati con cadenza biennale”), ma, appunto, è solo un'accelerazione del meccanismo deciso da SACCONI; e (iv) che la riforma Fornero ha soltanto esteso, pro rata dall’1.1.2012, il metodo contributivo – introdotto dalla riforma Dini nel 1995 – a coloro che ne erano esclusi, cioè coloro che al 31.12.1995, avevano almeno 18 anni di contributi, quindi tutti relativamente anziani.
Come si vede facilmente, la riforma SACCONI è molto più severa e incisiva della riforma Fornero, oggetti, del tutto ingiustificatamente, di damnatio memoriae la prima e di demonizzazione la seconda, alla quale vengono attribuite tutte le misure della riforma SACCONI.
Infine, ho anche notato che c’è un paragrafo specifico per il TFR. Le chiedo (i) se sa che il TFR/TFS è ritenuto da EUROSTAT spesa pensionistica, anche se può essere riscosso decenni prima del pensionamento; e (ii) se sa che nei confronti internazionali l’Italia è penalizzata dall’esistenza di voci spurie (tra cui il TFR/TFS, ma soprattutto le imposte), per cui le viene assegnato il primato poco favorevole di avere il rapporto spesa pensionistica/Pil più alto del mondo (dopo quello della Grecia) e la gratifica di Paese spendaccione, con tutto quel che ne consegue.[4][3]
Spero di esserLe stato utile e che voglia sia tenere conto delle mie osservazioni aggiungendo al documento una pagina per la riforma SACCONI, sia contribuire in futuro a chiarire gli autori delle norme pensionistiche, sia – se vuole – dirmi a causa di chi o di che cosa anche Lei, docente universitario, ha cancellato completamente, come quasi 60 milioni di altri Italiani, la severa riforma SACCONI.
Cordiali saluti
V.

PS: Ritengo doveroso informarLa che pubblicherò questa mia lettera e la Sua eventuale risposta nel mio blog.

____________________________

Note:
[1] I sette noti esperti, alcuni dei quali sono parlamentari o ex parlamentari, sono: Cazzola, Giannino, Boeri, Garibaldi, Ichino, Damiano e Sacconi. Vi si aggiungono ISTAT, EUROSTAT, UPB, INPS, OCSE.
Pensioni, la congiura del silenzio di sette noti esperti di previdenza contro Elsa Fornero
http://vincesko.blogspot.com/2017/12/pensioni-la-congiura-del-silenzio-di.html
[2] Sacconi vs Fornero, qual è stato il ministro che ha riformato di più le pensioni
[3] Questo articolo mi è stato chiesto da un sito, dopo una mia segnalazione rettificativa (il titolo e alcune piccole modifiche sono redazionali). Vi analizzo anche il risparmio stimato dalla RGS.
Pensioni: l’estremismo di Bankitalia e Corte dei Conti
di Vincesko - 27 October 2017
Qui sotto, c’è anche (migliorato qualitativamente) il grafico della RGS e altre mie osservazioni critiche sul risparmio calcolato dalla RGS.
Lettera a Davide Colombo del Sole 24 ore su un suo articolo con qualche fake news sulle pensioni
http://vincesko.blogspot.com/2018/01/lettera-davide-colombo-del-sole-24-ore.html
[4] Lettera a Stefano Scarpetta dell’OCSE sulla sua fake news sulla spesa pensionistica italiana, sua risposta e mia replica


**********