mercoledì 30 novembre 2016

Spread, tornano la strumentalizzazione e la paura



1. Prima osservazione. Tra tutte le spiegazioni sullo spread, che ho letto in giro, manca quella forse più importante per il dibattito contingente, scatenato dalla strumentalizzazione dello spread che ne stanno facendo i cosiddetti poteri forti ai fini della campagna referendaria a favore del .[1] Analogamente a quanto successe nel 2011.[2] E che è questa: lo spread riguarda i titoli di Stato già emessi e che vengono negoziati sul secondo mercato (mercato aperto). Non c’è una relazione diretta tra lo spread e gli interessi pagati sui titoli pubblici di nuova emissione acquistati da pochi dealer (una ventina) sul mercato primario.[3]

2. Seconda osservazione. La stessa propaganda ventila, in caso di vittoria del NO, il rischio di fallimento di ben 8 banche italiane. Con inevitabili, gravi riflessi negativi - si dice - sul debito pubblico italiano, poiché le banche sarebbero detentrici di una grossa aliquota di esso, addirittura, secondo alcuni, di una quota che arriverebbe al 70%. In realtà, il debito pubblico italiano è detenuto per il 10% circa da famiglie, per 1/3 all'estero = subtotale 44%; il residuo 56% da banche (circa 20%), assicurazioni (circa 20%), fondi comuni (circa 5%) e Banca d'Italia (circa 10%).[4]

3. Terza osservazione. Sostenibilità.
(a) Il debito pubblico italiano, pari al 30/9/2016 a 2.212,6 mld,[5] è, in rapporto al Pil, poco più della metà del debito pubblico del Giappone, il che dimostra che, se si ha alle spalle una banca centrale degna di questo nome, esso non è un grosso problema. Inoltre, la sostenibilità del nostro debito pubblico, garantita nel breve periodo dall’esistenza di un avanzo primario, è attestata, nel medio-lungo periodo, sia dall’UE che da Centri studi internazionali, grazie alla dinamica sotto controllo soprattutto della spesa pensionistica.[6]
(b) Finché c'è un deficit, il debito pubblico non può che crescere.
(c) Poiché c’è un avanzo primario (quasi sempre negli ultimi 20 anni) e talvolta consistente, il debito è cresciuto - come spiega la Banca d’Italia - non a causa della spesa primaria (che è più o meno in linea con la media UE28), ma degli interessi passivi; i cui tassi hanno risentito del fatto che l’Italia è stata per troppi anni (una trentina) priva dello scudo della sua banca centrale.
(d) Il Csx, “stranamente”, ha sempre fatto crescere meno il debito pubblico rispetto al Cdx, pare perché vince le elezioni nei periodi di crisi economica e deve riparare ai guasti causati dal Cdx e rientrare nei parametri UE, cosa che fa con zelo.
(e) Il debito pubblico italiano include attualmente delle poste straordinarie:
- aiuti a titolo oneroso agli altri Paesi (60 mld) e
- pagamento debiti pregressi PA (40 mld);
- disponibilità liquide del Tesoro (39,3 mld al 30/9/2016, dopo aver coperto i cali del debito pubblico sia in agosto, 30,9 mld, che in settembre, 12,1 mld).
(f) A fronte di un debito pubblico elevato, c’è una ricchezza privata elevata, tra le più alte al mondo, e un debito privato relativamente basso.
(g) In depressione/recessione/stagnazione, occorre fare una politica economica anticiclica e la riduzione del debito pubblico non è una priorità, anzi è esiziale, a meno che non lo si riduca attraverso un’imposta patrimoniale congrua sulla metà del decile più ricco, a bassissima propensione al consumo.[7]
(h) E, in ogni caso, il parametro che conta è il rapporto debito/Pil, che dipende anche dal denominatore, i.e. crescita, ma ciò è impedito dai vincoli UE; che hanno co-determinato un calo del Pil (denominatore) di almeno 150 mld (-10%) e impedito finora di recuperarlo.

[1] Referendum, meglio tenerci la Costituzione che abbiamo

[2] La Procura di Trani, Deutsche Bank e Mario Seminerio, il terzo più “stupido” d’Italia

[3] QE, gli obiettivi ed i poteri della BCE e della FED

[4] Finanza pubblica, fabbisogno e debito
Anno XXVI - 15 Novembre 2016, n. 62


[6] Debito italiano a rischio, anzi il più sostenibile
Carlo Clericetti  -  28 FEB 2016

[7] Piano taglia-debito per la crescita


Post collegato:

Le determinanti dello spread


**********




Nessun commento:

Posta un commento